Folle, omosessuale e…

Francis-Bacon[1]

… sublime artista. Come Goya che deformava le immagini della sua epoca (Dai Lumi al brutale Napoleone) per renderle pop e mediaticamente efficaci  (molto prima che inventassero Istagram). Come Munch che ha schiacciato le guance dell’umanità tra le mani di un umarello sul ponte tra 800 e 900. Goya, Munch e…Francis Bacon (1909-1992). Lo hanno psicanalizzato, giudicato, piazzato alla categoria artisti maledetti solo perchè andava a letto con i suoi simili di attributi genitali. Lui, Bacon, che ha attraversato il Novecento semplicemente dipingendo la solitudine che ci portiamo dentro, un veleno esistenziale che si sovrappone alle catene del Dna, che davvero ci rende unici rispetto alle scimmie.  Si fotograva, Bacon e poi rifaceva se stesso sulla tele , solo che riportava tra i contorni del suo volto reale (già di per sè un’opera d’arte) i tratti di amici e conoscenti. il vortice di colori e spatole  mischiava il tutto e alla fine l’uomo che ne usciva era la somma di mille altri. Uno, nessuno, centomila: come Pirandello, altro pazzo che scriveva al posto di dipingere. Che poi a pensarci un pazzo che comunica e ragiona sulla sua pazzia, non è più  un pazzo. Lo siamo noi, non sufficientemente pazzi da raccontarlo, cantarlo o dipingerlo. Bacon… tutto questo perchè il  lotto 224 dell’asta 754 della Meeting art ha scatenato queste riflessioni .

5[1]Segnalazione nella sezione Io lo comprerei il sogno…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...