Preview 770- C’è quel pazzo dell’Armando

 

 armandoarmandoarmando

Asta 770. Prima sessione sabato prossimo. Dal lotto 1 al lotto 100. In attesa di un’esplorazione più curiosa, ecco la mia prima preview. Si tratta del lotto 27, Intreccio, 1966. smalto bianco su cartoni intrecciati cm. 60,6×60,6; firma, titolo, anno, tecnica ed etichetta della Galerie B14 (Stuttgart) al retro, dichiarazione d’autenticità e archivio dell’artista su foto, entro teca in plexiglass. Da quanto ho attinto alle fonti Meeting si tratta di un lotto che fa parte di un gruppo di opere consegnate da un collezionista perchè fossero destinate all’incanto senza base d’asta. Ovvero offerta libera: 50 euro, primo rilancio. E poi che sia il mercato e la passione a fare il resto… Una bella sfida. Tra i lotti, questo. Il 27. Armando Marrocco è un importante artista sperimentatore. Un creativo che colpì il suo primo mentore, Lucio Fontana. Fontana lo spinse ad andare a Milano dove espose, poi la collaborazione con Jean Tinguely, il folle e geniale sculto-pittore svizzero inventore di macchine artistiche in grado di proporre la filosofia di allegre meccaniche celesti. Da Tinguely, Marrocco ha mediato il gusto di coinvolgere e rendere interattivo il rapporto con lo spettatore. L’opera in asta è degli anni Sessanta quando Marrocco dialogò, in totale e serena autonomia, con l’arte programmata. L’Intreccio di marrocco evoca i buchi di Fontana resi forma geometrica e li colloca in un intreccio, appunto , che gioca con i richiami al cinetismo. E’ movimento d’arte.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...