Da Kahn a Piano: il Kimbell Art Museum

Alice Amadei. Testi di arte, architettura e design

All’inizio degli anni ’70 Louis I. Kahn disegna il primo schizzo del Kimbell Art Museum di Fort Worth, Texas.

Nel 2007, quarant’anni dopo, Renzo Piano traccia i primi segni dell’ampliamento del museo di Kahn.

Due architetti e due progetti, due prime linee su un foglio, due inizi paralleli.

“L’inizio [del progetto] lo ricordo come Fede. E’ il momento della realizzazione della Forma. E’ sentire in termini di religione, pensare in termini di filosofia. Allora non esistono materiali, configurazioni, dimensioni. Louis Kahn.

Il brivido dell’inizio è ciò che scuote ogni architetto nel momento sacrale e fecondo in cui l’Idea si fa strada nella mente e dalla mente scende fino all’inchiostro della china in segni ancora primitivi, ancora embrionali, ma già vivi. Suggestioni e stimoli esterni si mescolano alla personalità del progettista e l’architettura esce dal terreno. Mi piace pensare che Louis Kahn e Renzo Piano, a distanza di quasi…

View original post 655 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...