Archivio mensile:settembre 2014

Scialoja fa rima con Goja

asta 780 OPERE DELL’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Settima Sessione: Sabato 27 Settembre 2014 ore 15:00 – Lotti dal 691 al 790
Lotto 735 TOTI SCIALOJA Roma 16/12/1914 – Roma 01/03/1998

012014009525Senza titolo, 1995
olio e vinavil su tela cm. 70×50

Toti Scialoja ha conosciuto i grandi dell’espressionismo astratto, era loro amico. Non  uno lì per caso. Ha dipinto con Vedova (forse anche superandolo), ha insegnato arte a Pascali, Kounellis e Ceroli. Quando nel presunto declinare della sua carriera ha incontrato l’opera di Goja al Prado è ritornato giovane artista in cerca di una nuova forma espressiva tra colore e emozioni spatolate. Opere nuove, forti, emozionali. Come quella in asta sabato. A un decimo di valore da un Vedova, ma probabilmente spanne sopra per significato…

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Segnalazione (sarò presente all’incontro con questo maestro vero. Ne parlerò in un prossimo post)

2169 Copertina ASTA/MOSTRA 20 OPERE DI “LORENZO PIEMONTI” CON BANDITORE VIRTUALE E PRESENZA DELL’ARTISTA
Unica Dom 28/09/2014 ore 10:00

Dorazio nello spazio

Il più Dorazio di sempre. Alla Meeting è stata aggiudicata un’opera di Piero Dorazio che rappresenta il top price per l’artista Cose che anche un blog di facezie d’arte deve annotare.

E l’annoto. Copio e poi incollo


Asta 780 OPERE DELL’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA Lotto precedente Aggiorna dati
Quinta Sessione: Sabato 20 Settembre 2014 ore 15:00 – Lotti dal 461 al 560
Lotto  560 PIERO DORAZIO Roma 28/06/1927 – Todi 17/05/2005
Immagine Opera Friendly deterrent, 1958
olio su tela cm. 160×130, firma e anno in basso a destra, titolo, firma, anno ed etichetta della XXIX biennale d’arte di Venezia 1958 al retro, fotografia ritraente l’artista e il dipinto alla Biennale di Venezia allegata.
Bibliografia:
– Biennale di Venezia 1958 pag. 126 citato
– Santini La XXIX Biennale di Venezia 1958 tavola 88
– Habasque Confrontation 1959 pagina 21
– Kassel II Documenta 1959 riprodotto.
– Dusseldorf Kunstverein 1961 riprodotto.
– Dorazio a cura di Marisa Volpi Orlandini Belser/Electa al numero 295.

Stima € a richiesta
Base d’Asta € a richiesta
Ultima Offerta € 360.000 Aggiudicato

E’ solo mare

012014009153turner

(sopra Verna e sotto Turner)       

<Io mi sono sempre considerato pittore perché convinto di potermi esprimere soltanto con il colore: ma senza la pretesa di privilegiare la pittura nei confronti di qualsiasi altro mezzo o disciplina. Anzi, spesso, la ricerca mi ha fatto sentire più vicini artisti che indagano altri spazi e altre possibilità: e questo perché credo che l’arte sia una scommessa, un progetto che ha a che fare con l’utopia, una proposta che non doppia la realtà, ma casomai la interpreta fino a proporne un’altra>.Scrive Verna. Indagare gli spazi con la pittura e con la mente. Il sole è Dio, scriveva William Turner, il più grande pittore che abbia mai dipinto  in tutto il Regno Unito. Alla fine, per entrambi, davanti agli occhi c’è solo il mare.

743 CLAUDIO VERNA Guardiagrele (Ch) 24/09/1937
Orizzonte-mare, 1974 olio su tela cm. 100×140, firma, titolo e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto. Esposizioni: Personale Studio La Città, Verona 1975.
Bibliografia: -“Claudio Verna Catalogo Ragionato”, a cura di Volker W. Feierabend, Silvana Editoriale, pagina 337, N.CAT.371. (valutazione: 8.000 9.000. Base d’asta 4.000. 4.800)

Invenduti e vincenti

Asta 780. Storia breve di tre lotti invenduti. Mentre, le loro opere attendono un chiodo (concesso ad altri chiodi intesi come opere), i tre di questo post bellamente se ne impippano. Paul Jenkins sta, infatti, probabilmente dissertando, in questo momento, con Pollock e il suo amico e maestro Rothko se l’energia dell’universo la puoi colorare giocando con pennelli e gravità o con intense e oniriche campiture di colore o non piuttosto con trame eteree di toni che sfiorano il , senza toccarlo, il nulla. Leon Gischià sta, intanto, probabilmente, riflettendo con Fernand Legier e Le Courbusier se il lavoro fatto insieme nel 1937 per decorare ilPavillon des temps nouveaux di Parigi poteva prendere altre strade. Lì accanto Gustave Singier ha ritrovato gli artisti del gruppo dei Jeunes peintres de tradition française fondato a Parigi nel 1941. Hanno,insomma,  altro da fare che crucciarsi perchè c’è chi si aggiudica un Metanunziante o un Tardostefanoni (che bello Tino quando compilavi gli elenchi visuali d’oggetti!!!). Lassù non è quaggiù. E loro sono decisamente più in alto.

012014010275

Lotto 329. PAUL JENKINS (Kansas City 12/07/1923 – New York 09/06/2012)

Senza titolo, 1960
olio su tela cm. 162×129, firma e anno al retro.

 

 

012014009027

Lotto 518. LEON GISCHIA (Bax Landes 08/06/1903 – Venezia 1991)

Composizione 25 P, 1973 olio su tela cm. 60×81, firma in basso a destra, firma, titolo, anno e timbro della Galleria d’Arte Rotta (GE) al retro.Bibliografia:-“Léon Gischia, rétrospective 1917-1985”, tenutasi presso il Paris Art Center nel 1985, pagina 185.

 

 

 

012014007022

Lotto 318. GUSTAVE SINGIER Warneton (Belgio) 11/02/1909 – Parigi 1984)

Composizione, 1968 acquerello su cartoncino cm. 77×57, firma e anno in basso a destra, etichetta e timbri della Galleria Rinaldo Rotta (GE) al retro. Bibliografia:
-“Pittura a Parigi 1945-1970, Sguardi sul collezionismo lombardo”, a cura di Beatrice Buscaroli Fabbri, mostra tenutasi dal 2 giugno al 22 luglio 2000 presso Palazzo Sertoli, Galleria Credito Valtellinese, Palazzo Pretorio, Sondrio, pagina 99.