Toscanacci

bozzolinichiariberti

(da sinistra: Silvano Bozzolini, lotto 6; Giuseppe Chiari, lotto 45; Vinicio Berti, lotto 11).

La scuola toscana non esiste. Esiste una Toscana che ha lasciato nomi e correnti importanti per la storia dell’italica arte contemporanea. L’asta 2181 della Meeting Art di mercoledì , convoca in una sola tornata tre toscanacci veri: Silvano Bozzolini da Fiesole (ma scomparso a Poggibonsi dove è stato ricordato quest’anno con una importante retrospettiva); Giuseppe Chiari  e Vinicio Berti da Firenze. Il primo (come si vede chiaramente dal lotto in asta) si muove nel campo dell’astrazione. Ma il suo percorso non è stato una scelta di campo superficiale. Siamo negli anni Quaranta, Bozzolini  vaga con qualità e professione nell’ambito del cubismo. Non lo soddisfa però. Capisce  che deve cercare altrove cosa dipingere. Va a Parigi e qui incontra un grande italiano dell’arte, Magnelli. Incontra  Poliakoff, incontra Vasarely, Eduard Pignon, diventa amico di Sonia Delaunay. Cerca e trova nuove forme della pittura. Nuova musica, come fa Giuseppe Chiari che folgorato dal Fluxus di Maciunas, crea performance musical-pittoriche dove l’arte è suono per gli occhi. Berti? Berti con la sua astrazione classica (?) anticipa persino i graffitisti. Perchè l’istinto creativo che lo spinge lo porta direttamente dentro l’anima arrabbiata del mondo che lui racconta con l’equilibrio dell’artista. Tre toscanacci, in asta. Mercoledì.

4 pensieri su “Toscanacci

    1. …che è di Bergamo. Scherzo. Sono sincero, sulla tenuta di mercato dei poeti-pittori e viceversa comincio a nutrire qualche dubbio. Sul piano storico e di gusto ne farei incetta…in realtà l’opera di Picenni è capricciosa ai lacci di corrente e “indecifrabile” come il suo destino nella storia e nel mercato dell’arte. a quel punto si gioca d’intuito e mi sembra tu ne abbia…

      Mi piace

  1. Bah, in quanto ad intuito, lascerei perdere. Sono un “nostalgico” degli anni ’50/60 (i migliori anni della ns. vitaaaa). Anche i ’70 con un accenno di Rivoluzione !
    Per ricordare con nostalgia, mi sono preso il b/n del compagno Vinicio, anche se allora ero dall’alta parte della barricata, ma i tempi cambiano ed il Genio non ha colore politico.

    Mi piace

Rispondi a kolla2121 Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...