Quando Twombly si chiamava Tino

012014016896Lotto 299. Tino Vaglieri Figura nel letto con lampada, 1958
tecnica mista su carta applicata su tela cm. 50×70

Come graffiti sui muri di un bagno o di una pietra. Figure sfumate dove macchie di colore e tracce di grafia si mescolano in modo surreale. Dicono che questa fosse la prerogativa di Cy Twombly, il grande maestro dell’astrazione minimalista Usa. Ma quello che è in asta giovedì 26 marzo alla Meeting non è Twombly. E’ forse più bello. L’ha dipinto Tino Vaglieri due o tre anni prima che Cy si mettesse a fare cose così… C’è una sottile perfidia che attraversa la storia dell’arte . Ci sono precursori, epigoni, rimandi che sembrano plagi e originalità che alla fine non lo sono. Ci sono artisti come Tino Vaglieri. Grandi anche se piccoli sul mercato. La differenza a quel punto la fa la memoria.

2 pensieri su “Quando Twombly si chiamava Tino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...