La merda, il poeta e quei due

locandina

Il  23 agosto del 1962 Piero Manzoni rilascia questo attestato a un suo acquirente: <Dichiaro che Alberto Lucia mi ha oggi comperato grammi 30 di merda per 30 grammi di oro (18 carati). Alberto Lucia è un pittore e un poeta. E’ entrambe le cose. Pensa l’arte, ne ricava parole che diventono definizioni. Cerca di dare un senso letterario a chi sta navigando, agli inizi degli anni Sessanta,  verso nuovi approdi pittorici e plastici. Ci sono due pittori che hanno messo in piedi, in una piccola galleria d’arte,  una simpatica congrega dei pittori estinti che si stanno interrogando su come decifrare la realtà confusa che stanno vivendo. Segni, percorsi. C’è chi taglia le tele, chi le gonfia, chi le brucia. Chi, invece, come loro, segue itinerari ossessivi di tratti e linee per esprimere se stessi e il loro mondo. Lucia incontra così Ettore Sordini e Arturo Vermi che hanno fondato il gruppo del Cenobio, dal nome della galleriuccia che li ospita. A loro si sono uniti Agostino Ferrari (che scrive sulla sabbia del tempo) e Ugo La Pietra. Di tanto in tanto nello studio di Vermi a Sesto San Giovanni, piombano Simeti, Castellani, Bonalumi. sono intrigati da come l’Arturo srotola la tela del suo percorso creativo. L’Arturo che di tanto in tanto si lamenterà di aver visto anni dopo la sua ricerca copiata da altri, di non aver trovato quel successo che la forza del suo lavoro gli avrebbe dovuto concedere. Quei segni dei segni, dei segni. I tratti ripetuti magari usando una biro al posto di un pennello. Vermi e Sordini: adesso dicono che qualcosa bolle in pentola per loro. Più per il Vermi che per il Sordini. E’ il mercato, baby, dove a un certo punto la merda vale come l’oro anche, se in questo percorso catartico, è l’oro a valere come una merda. Ma Vermi, Sordini e gli altri non sono come quel prodotto del genio manzoniano. Sono artisti di vaglio. Ma non dimenticatevi del poeta. Lui l’aveva capito per primo.

Nella foto: la locandina della mostra retrospettiva che si è tenuta a Milano nel 2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...