Assadour, favole meccaniche

012015003646

Lotto  600 ASSADOUR BEZDIKIAN Beirut 12/08/1943
Composizione, 1996
acquerello e tecnica mista su carta cm. 18×24, firma e anno in basso a destra, etichetta della Galleria Il Cancello (NO) al retro.

Asta 796. tornata di mercoledì 24. L’astrazione onirica di uno dei più importanti artisti medio orientali contemporanei. L’astrazione geometrica come sogno. <Assadour è un artista che pensa il suo sogno, ma che sogna ugualmente il suo riflesso> scrive il critico Nohad Salemeh. Per Fiona Dunlop, blogger internazionale d’arte e di viaggi,  <svelare i nodi dell’universo esoterico di Assadour è come contare i granelli di sabbia. La sua essenza è un enigma senza fine . Le sue immagini sono disseminate di innumerevoli indizi, codici identificabili altri apparentemente privati. Essi appaiono fugacemente, in silenzio, inquietanti, invitando comprensione ma subito ritirandosi prima della definizione …>.

—-

NOTE BIOGRAFICHE

Conosciuto con il suo nome di battesimo, Assadour è nato a Beirut, ma ha lasciato il Libano, all’età di diciotto anni. Ha trascorso le estati del 1962, 1963 e 1964 a Perugia, dove ha studiato presso l’Accademia Pietro Vannucci. Dopo di che si recò a Parigi, e 1964-1970 ha studiato presso l’Ecole Nationale Supérieure des Beaux-Arts, sotto la supervisione di Coutaud.

Assadour è un membro attivo di molte istituzioni connesse con le arti. Ha fatto parte del comitato del Salon de Mai 1974-1977, e membro di La Jeune Gravure Contemporaine dal 1975 al 1979. Dal 1984 ha fatto parte del comitato di Les Peintres Graveurs Français.

Ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali: la medaglia d’oro al Terza Biennale Internazionale della Grafica d’Arte, Firenze (1972); la medaglia d’argento alla Biennale Internationale de l’Estampe, Epinal, Francia (1973); il Primo Premio alla Biennale de Givet (1975), il presidente della città di Cracovia Premio alla Biennale di stampa internazionale, Polonia (1980); e Menzione d’Onore alla Biennale di stampa Norwegian International, Frederikstad, Norvegia (1980), la Medaglia d’Onore al Maschio Formy grafiki, Lodz, Polonia (1981), il Museum of Modern Art Award, Lubiana, Jugoslavia (1983), e il Grand Prix de la Ville de Paris (1984).

Assadour ha illustrato numerosi libri e pubblicazioni tra cui L’Affaire Lemoine, Paris, 1968-1969; Frammento N’3, Liechtenstein, 1972; La Vecchiaia Nevica, Milano, 1978; Ombre, Lussemburgo, 1976; L’Oiseleuse, Paris, 1978, e molti altri.

Ha tenuto numerose mostre; a Parigi, presso la Galerie La Pochade (1971), Galerie Sagot-le-Game (1977, 1983), Galerie du Dragon (1986) e Galerie Faris alla FIAC (1986); a Roma, presso la Galleria L’Arco (1980) e Galleria II Millennio ea Bruxelles alla Galerie La Taille Douce (1972). Ha inoltre esposto in Lussemburgo, Amsterdam, Germania Ovest, Tokyo e Taiwan. Ha partecipato regolarmente nei saloni del Museo Sursock tra il 1962 e il 1966.

Assadour vive attualmente a Parigi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...