Un pittore che non c’è più

Nato nel 1940, morto cinque anni fa. Mi era sfuggito o forse l’avevo letto e il ricordo si era affievolito. Si chiamava Roberto Masi. Era toscano, gli hanno appioppato una nicchia critica, quella del primitivismo. Da contrapporre all’espressionismo. A me il termine, che non sono un critico, non mi esalta. Evoca chissà quali nuovi selvaggi, le ricerche ancestrali e di retroguardia delle maschere africane precubiste, persino le tracimazioni nel subconscio agitato dell’Outsider art. Roberto Masi a me pare dipingesse. cercasse un equilibrio tra toni e segno. Tra narrazione e realtà. E il suo cavallo adesso serenamente ti mostra il portacoda nell’asta Meeting Art di mercoledì 29 giugno.

012016006359
24 ROBERTO MASI Firenze 26/12/1940 – Firenze 25/11/2011 Cavallo nel paesaggio olio su tela cm 40×30, firma in basso a destra e al retro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...