Archivio mensile:agosto 2016

Gottardo, come sta l’analitica?

012016008428
8 GOTTARDO ORTELLI Viggiù (VA) 28/11/1938 – Varese 21/09/2003 Senza titolo, 1975 disegno su cartoncino cm 56×76, firma, anno ed etichetta della Galleria d’Arte Spagnoli (FI) al retro

——————–

Riparte sabato prossimo una nuova stagione di aste d’arte moderna e contemporanea alla Meeting Art.  Per numero di lotti (820) e per importanza di alcune proposte (almeno una decina da collezione stellare) non sarà un’asta d’inizio campionato anche se le prime due tornate sanno molto di partite di riscaldamento. Con alcune chicche e con alcuni banchi di prova sulla tenuta di mercato di autori e correnti. Il lotto 8 ad esempio.

Gottardo Ortelli, negli anni Settanta, è artista decisamente in sintonia con la linea analitica della pittura teorizzata da Filiberto Menna. I suoi esiti successivi decisamente coloristici hanno distratto i collezionisti e il mercato da questa sua iniziale appartenenza. Ortelli, peraltro, non era presente nella grande mostra “analitica” organizzata a Roma nel 1977, I Colori della Pittura, curata da Italo Mussa. Viene però riammesso nel 2009 nella importante retrospettiva “analitica” di Villa Croce a Genova (Pensare Pittura). Ma il problema non è il significato antologico-analitico di Ortelli (che comunque è presente), il problema è capire se la nuova stagione delle aste sarà ancora sensibile ai richiami “analitici”. Il lotto in questione è un piccolo banco di prova.

L’opera è del 1975 (il periodo d’oro, anzi il Periodo dell’analitica). La divisione della superficie (in questo casa carta, ma, per l’analisi analitica,  che sia tela o altro materiale non è un problema di qualità crescente, quanto di qualità del supporto punto e basta), lo spazio monocromo bianco diviso da un altro (come in Carmen Gloria Morales), l’uso di tratti a indicare un percorso segnico-intellettivo sul pensare pittura (come nel caso di Griffa), indicano chiaramente che questo cartoncino è Analitica Pura. Analitica di filiera certificata.

E si torna al mercato. Come andrà l’analitica? Olivieri, dopo aver raddoppiato le esigue basi d’asta proseguirà nel suo rilancio? Pinelli inseguirà davvero Griffa? (e Griffa di rimando riprenderà a salire dopo aver fatto il profeta in patria , anticipando di qualche anno il trend positivo di questa non-corrente?)  Zappettini si confermerà artista di riferimento? E dall’estero (Erben, Dolla e Isnard) supporteranno la crescita analitica europea?

E rieccoci al lotto 8. Per dimensioni, storicità, artista può essere un’utile unità di misura su quanto oggi valga lo zoccolo duro dell’analitica. Un parametro-base per capire, rilanci alla mano, cosa significhi oggi collezionare analitica. All’asta le prime riposte.

Bellagrafica

012016006307
16a WALTER VALENTINI Pergola (PS) 22/10/1928 Le misure, il cielo III, 1989 acquaforte su carta cm 112×75, esemplare VII/XXV, firma e tiratura in basso a destra, firma, titolo, anno e tecnica su etichetta dell’artista al retro. senza riserva stima: 1.000/2.000 €

 

812/Buonanotte

012016006328
804 MARIO TOZZI Fossombrone (PS) 30/10/1895 – St. Jean-du-gard (Francia) 08/09/1979 Nudo femminile, 1923 olio su tela cm 110,5×75,5; firma in basso a sinistra, opera registrata presso l’Archivio Mario Tozzi (Foiano-Ar) come da certificato allegato (con dimensioni errate). base d’asta: 15.000 € stima: 30.000/36.000 €

812/Artbrutsveri

012016006361
734 GIANFRANCO ASVERI Fiorenzuola D’Arda 1948 Composizione, 1990 tecnica mista su tela cm 60×70, firma in basso a destra, firma, titolo, anno e tecnica al retro. base d’asta: 500 € stima: 1.500/2.000 €

(dal sito dell’artista) Nato a Fiorenzuola d’Arda nel 1948, Asveri vive e lavora ai Gasperini sulle colline piacentine in compagnia dei suoi cani. Non ha frequentato accademie né ha seguito studi artistici di altro genere. Nel 1969 ha incominciato a dipingere, trovando nell’arte una ragione di vita. Dopo un periodo iniziale in cui si è espresso con un linguaggio figurativo tradizionale, a partire dagli anni Ottanta la sua pittura è approdata a un gesto più istintivo e personale, ricco di colore e di materia, vicino all’espressionismo dell’Art Brut. Rappresentante di uno stile pittorico fortemente istintuale ed emotivo, Asveri aggredisce la superficie con una gesto prepotente e primitivo, che lascia tuttavia convivere con altre matrici espressive meno percettibili, memoria di immagini artistiche. Con un afflato profondo e vitale, la pittura di Asveri scaturisce dall’osservazione del reale: gli animali che l’artista raccoglie e cura, con i quali vive e che ama sopra ogni cosa, ai quali dedica disegni, dipinti e poesie. Il quotidiano Il Sole 24Ore lo ha recentemente segnalato fra i dieci artisti di punta del mercato dell’arte italiano.

812/Buongiorno

012016008022
113 MARCO NERI Forlì 1968 Termine della notte, 1991 acrilico su tavola cm 25×18, firma e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto. Bibliografia: -“Marco Neri, L’età del ferro”, a cura di Claudio Spadoni, mostra tenutasi presso la Pinacoteca Cleofilo, Centro Culturale Una Arte (Fano) nel Luglio 1993. senza riserva stima: 1.000/2.000 €

812/ Chia che fa Festa

012016008404
820 SANDRO CHIA Firenze 20/04/1946 Ritratto di Tano Festa, 2002 olio su tela cm 228,8×162,5; firma in basso a destra, etichetta Galleria Marescalchi (Bo) al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista e timbri dell’archivio su fotografia. base d’asta: 60.000 € stima: 110.000/120.000 €

Nell’ultima intervista rilasciata da Tano Festa nel maggio 1987, morirà nel gennaio dell’anno dopo ( l’intervista, bellissima, è pubblicata sul sito di Artantide a questo indirizzo: http://www.artantide.com/artisti_BiografiaArtista?idArtista=119)  si legge questo botta e risposta.

Non ti meravigli del successo all’estero dei tuoi colleghi più giovani, penso alla Transavanguardia, tu che, per una ragione o per l’altra, in America non hai mai sfondato?
“No, non mi meraviglio affatto, perché io Cucchi, Chia e gli altri li stimo e li ammiro e li conosco bene fin da quando dipingevano per centomila lire a quadro. Alla fine sono stati solo un po’ più fortunati di me. Pensa che io nel 1967, mentre stavo negli Stati Uniti, ho dovuto smontare tutta una mostra e riportarmi le tele in Italia perché il mio gallerista morì all’improvviso. Mi dovetti riprendere le opere perché, mi fecero capire, era meglio che me ne andassi. A Roma quei quadri li ho poi esposti alla mostra intitolata “Michelangelo according to Tano Festa”.

Non c’è miglior premessa per il lotto che chiuderà l’asta 812 di Meeting Art. Un cerchio si è chiuso.

812/Buonanotte

012016006592
645 CLAUDIO CINTOLI Imola 15/12/1935 – Roma 28/03/1978 Una manciata di stelle (bozzetto preparatorio), 1969-70 interventi su base fotografica applicata su cartone tridimensionale cm 42×78,5; firma, titolo e data 24.4.69 in basso al centro, bozzetto preparatorio del murale “Una manciata di stelle” per la Curia Generalizia della Compagnia di Gesù al Vaticano in Roma, dichiarazione d’autenticità a cura di Vittorio Cintoli su foto. base d’asta: 5.000 € stima: 9.000/10.000 €

812/Il fiammingo piacentino

012016008088
606 ARMODIO (VILMORE SCHENARDI) Piacenza 04/10/1938 Ritratto segreto, 1972-73 tempera su tavola cm 70×100, firma in alto al centro, firma, titolo e tecnica al retro, e-mail dell’archivio Armodio che comunica la datazione allegata. base d’asta: 10.000 € stima: 18.000/20.000 €

—————-

C’è una maniera piacentina nella figurazione italiana contemporanea. Ed è quella che ha come punto di riferimento Gustavo Foppiani. Foppoani studia i grandi fiamminghi (Bosch e Brueghel su tutti), ma li incrocia anche con il surrealismo di Dalì, Ernst e del belga Delvaux. Non sarà mica un caso che il suo grande amico e “discepolo”, ovvero proprio Vilmore Schenardi, detto Armodio avrà successo proprio in Belgio e nell’area fiamminga in genere. oltre che negli Usa. Questo dipinto in asta domenica 18 settembre (812 di Meeting art) è da sistemare su una parete e lasciarlo decantare sguardo, dopo sguardo. Un pinot nero in rosso che non ha fretta di essere ingurgitato. Festina lente, sussurra a chi lo ascolta…