Mani in pasta

Cosa comprare? L’autunno, con la struggente noia di queste splendide giornate uggiose, porta il profumo di aste e fiere d’arte.  E con la voglia di cose nuove a parete anche la domanda iniziale. Quella che, bisbigliata, ho girato alla Meeting Art di Vercelli, all’ad, ai selezionatori d’opere, ai clienti (tanti) in giro per la mostra dell’asta 816 (che si apre sabato 26). Ne ho tratto queste conclusioni che condivido.

 Arte (troppo) programmata.  Il mare magnum del cinetismo, dell’op art, dell’arte programmata è in una bolla che non si gonfia più, al momento. Le soglie alte delle basi d’asta non sono più assorbite con facilità dal mercato come solo un anno fa. Dubbio atroce: è il momento di prendere, comunque, per poi rivendere contenti o di vendere per non dover svendere? Bella storia.

Analitica in analisi. Mesi di ritocchi verso l’alto, ma, ora, non si ritocca molto. La rincorsa a  Giorgio Griffa (che era partito tre/quattro anni fa, ma che non sta più accelerando) non è più così esplosiva, a partire dal buon Pinelli. Olivieri (il più onirico) resta ancora staccato, Cacciola (il purista del gruppo) si rigenera con i suoi attualissimi multigum, Zappettini, l’ideologo del gruppo, cerca un distinguo di mercato. Su Aricò, il precursore non ci sono segnali forti di forti risalite.

(Hip) Pop Art. Schifano, Festa, Angeli, ma soprattutto Giosetta Fioroni (e perchè no Tacchi e Lombardo) restano in fibrillazione. C’è chi dice che sono ancora dei best buy (Fioroni, ripetono). Ma il dubbio è che, a questi valori d’acquisizioni cosìalti,  siano acquisti con prospettive di rivendita già a medio termine (la bolla esploderà?). Certo è che, ma è nota personale, se avessi preso i Coriandoli di Festa un anno fa adesso sarei contento (vendendoli ovviamente).

Butta la pasta.  Forse è ora di buttarsi sul Pastificio. La caccia al nuovo movimento boom che salga come la Transavanguardia in passato, è iniziata. E nel mirino ci sono gli artisti dell’area romana post-Transavanguardia che lavoravano nell’ex pastificio Cerere: Gallo, Pizzi Cannella , Tirelli, Dessì, Nunzio (su tutti). Ma a livelli ancora umani c’è anche Ceccobelli di cui propongo di sotto i lotti dell’asta 816 (due top-lot dell’artista a prezzi da under-lot).

Figurarsi il figurativo. Sotto sotto te lo dicono tutti: torna di moda sul mercato. Torna il figurativo 3.0 che riproponga gli antichi fasti del figurativo classico. Quello dei Nuovi Nuovi, degli anacronisti e dei Pittori Colti (occhio, ti dicono, ai rarefatti, perchè stipati dai collezionisti: Bertocci, Abate, De Stasio, Bartolini Ubaldo, Bonechi e Laura Gandolfi).

Due nomi… Ma se devo prendere senza rimpianti di corrente, area, critica strutturata? Se voglio due artisti buoni, comunque… Da Vercelli due nomi, come l’uno fisso delle vecchie schedine: Paul Jenkins e Pino Pascali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...