Novelli e il suo doppio

012017004280
Miniatura Opera 252 GASTONE NOVELLI Vienna (Austria) 01/08/1925 – Milano 22/12/1968 Ragusa, 1965 matita su carta 10,5×15 cm, opera non firmata, titolo e anno in basso a destra, opera registrata presso l’Archivio Gastone Novelli come da dichiarazione su foto con timbro per provenienza della Galleria L’Elefante Arte Contemporanea, disegno che fa parte di un taccuino convenzionalmente numerato “Taccuino T 1962-65, 1” (Viaggio in Grecia)

————

Questo lotto in asta giovedì 22 (un altro di questa “serie” creativa di Gastone Novelli è proposto sabato 24 sempre alla Meeting Art di Vercelli), lo puoi leggere così…

Gastone Novelli (1925-1968) pubblica il Viaggio in Grecia nel 1966 per le Edizioni dell’Arco d’Alibert di Roma, stampato in 45 esemplari numerati. Il libro è un collage di testi e d’immagini selezionati dall’artista tra i materiali raccolti durante numerosi viaggi tra le isole del Mar Egeo: vere e proprie esplorazioni compiute alla ricerca di segni e di simboli di un linguaggio primordiale e originario, le cui radici affondano, secondo Novelli, nel mito e nell’inconscio collettivo.Una ricerca alimentata anche dagli straordinari incontri, avuti nei primi anni Sessanta, con intellettuali e scrittori come Samuel Beckett, George Bataille, Pierre Klossowski, René De Solier e Claude Simon, che in uno dei suoi ultimi libri, Le Jardin des Plantes (1997), racconta la profonda consonanza intellettuale e creativa che li ha legati, dedicando tra l’altro molte pagine del libro al racconto dell’esperienza drammatica vissuta da Novelli durante la Resistenza, con la carcerazione e la tortura.

O così…

Un tempo lontano, quando avevo sei anni, in un libro sulle
foreste primordiali, intitolato «Storie vissute della natura», vidi
un magnifico disegno. Rappresentava un serpente boa nell’atto
di inghiottire un animale. Eccovi la copia del disegno. C’era
scritto: «I boa ingoiano la loro preda Tutta intera, senza
masticarla. Dopo di che non riescono più a muoversi e
dormono durante i sei mesi che la digestione richiede».
Meditai a lungo sulle avventure della jungla. E a mia volta
riuscii a tracciare il mio primo disegno. Il mio disegno numero
uno. Era così… 

Così, come? Forse proprio come il disegno che vedete in questo post. Gastone Novelli come un Piccolo Principe. La poesia è fatta di segni minuti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...