Zao wu, ki?

012015009508
157 WOU-KI ZAO Senza titolo acquaforte su carta 50×65 cm, esemplare E.A., firma in basso a destra.

———–

Domenica 2 luglio alle 20. Alla Meeting Art a luci spente, di sera. Quando nessuno alza palette o gira per le sale in cerca di cose per cui convincere mogli o compagne (loro comandano in arte) a tentare l’offerta. Il posto e il tempo migliore, insomma, per trovare un senso al collezionare arte.

Zao wu ki, in Cina lo definiscono , soprattutto ora che è nel cielo degli eroi dell’arte, il dio dell’arte . I magnati asiatici, cino-indiani-indonesiani hanno acquisito con pervicacia economica le sue opere. Lui che è pir scappato dal comunismo ed ha vissuto in Francia, come un dio dell’arte. E non solo lì. La Tate Gallery già alla fine degli anni cinquanta riteneva indispensabile avere una sua opera da esporre. Zao wu ki. Astrazione e calligrafia. Informale e meditazione zen, nuvole dell’occidente e vapori d’estremo oriente. Messaggi dell’anima, tra due civiltà. Ecco, lo dico, un acquaforte così mette il resto a sedere o a capo chino. Per rispetto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...