Il pittore e la pietra errante

012015006241
5 PIERANGELO PIAZZO Alba (CN) 1934 – Chiavari (GE) 20/10/1997 Il Drago Millenario, Tenerife, 1969 olio su tela 50×70 cm, firma in basso a sinistra, titolo, firma e anno al retro. senza riserva stima: 1.000/2.000 €

—————-

Alpignano dista un paio di pedalate da Torino (30 chilometri andata e ritorno). C’è il castello e la torre (trasformata in campanile). La chiesa è dedicata a San Martino di Tours, il santo-eroe che poteva fare a meno di un pezzo del suo mantello e che dà il nome alla sua estati in pieno autunno. Quelle con le domeniche gelide da cielo terso che ti viene voglia di infilarti in una pasticceria e farti una cioccolata densa e calda come solo sanno farti nelle terre sabaude.

Alpignano coccola una sua leggenda. Così bella che se questo post lo legge la Rowling riprende in mano la saga dei maghetti  e la piazza non lontano dai cori dello Juventus Stadium. Dunque la storia, Alpignano si è sviluppato attorno alla Dora. Accanto ad uno dei ponti che varcano il fiume c’era un tempo un grande masso. Così grande e fuori posto da apparire metafisico e leggendario. Un masso erratico, di quelli che i ghiacciai, ancora esentati dal conoscere le teorie ambientali di Trump, portavano a valle muovendosi. Uno di questi sassoni immani arrivò a Alpignano. E fu così festa di leggende.

masso_alpignano-disegno
Il masso erratico in una vecchia fotografia di Alpignano sotto la neve.

 

Pierangelo Piazzo ha trascorso una buona fetta la sua vita ad Alpignano prima di trasferirsi in Liguria dove è morto nel 1997. Nel 2007 a dieci anni dalla morte (e quest’anno sarebbe il ventennale) il Comune ha patrocinato una retrospettiva. Per il Comune della cintura torinese, Piazzo resta comunque una gloria artistica locale anche se non può certo pareggiare quella di Guido Tallone da cui lo stesso pIazzo (autodidatta e appassionato di fisarmonica) prese lezione di tavolozza.

La tavolozza di Pierangelo Piazzo è orgogliosamente figurativa: dominano i paesaggi montani, le cime innevate, i vigneti innevati. Le ombre della sera. Di tanto in tanto però la sua tavolozza si accende. i cieli s’infiammano e sembrano quelli di un fantasy. E i quadri si caricano di mistero naif. E si torna così a quel masso nella Dora. Il masso girevole di Alpignano.

Lo hanno fatto saltare in aria nel 1918 (che di esplosioni non ne avevano ancora abbastanza) per realizzare una centrale idroelettrica. Si è così sbriciolata la materia di una bella fiaba. Questa riportata in una cronaca ottocentesca: “Case modeste vidi lungo le due sponde del fiume, e per erbosi clivi in gran copia acque spumanti che mormorano e biancheggiano fra le ruote di un molino ed entro grotticelle coperte di musco e di edera, e una fucina di ferro che mi assordava coi ripetuti colpi del maglio, e un antico ponte a tre archi, rifatto nel 1740, onde si varca la Dora, e presso al ponte un grosso masso di roccia, il quale, al dir del volgo, nella notte dell’Epifania fa tre giri intorno a sè ben sensibili a chi ardisse in quella notte stare sopra quel masso dove apparvero i tre Re Magi. Queste sono le vedute e queste le leggende che trovai in Alpignano appiè del verde poggio, in cui fra gli olmi, i frassini e i platani, e fra ogni sorta di fiori si aderge il maestoso castello, sotto cui anco uomini savi credettero sepolto un ricchissimo tesoro”.

Un masso erratico che il pittore Pierangelo Piazzo non ha visto, ma di cui ha sentito di certo parlare così come di una Drago millenario a Tenerife, anni luce lontana dalle sponde della Dora. Cielo vorticoso, leggendario, in un dipinto che non ti aspetti se aspetti baite e tallonesche mandrie al pascolo.Un po’ di colore e un po’ di fantasia e tutto diventa visibile. Pensando a un masso girevole in riva alla Dora. Il tutto in asta mercoledì a Vercelli, asta 6028, alle 23, 58. L’ora delle fate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...