841/Gli zombie siamo noi

012018000523

117 KEN CURRIE North Shields (Regno Unito) 1960 Studio per “The street”, 1990 china su carta 57×74 cm (parte visibile 45×60 cm), firma parzialmente cancellata in basso sinistra. Bibliografia: -“Michiare le carte: immagine speculare” a cura di Francesco Gallo, Galleria d’Arte Gian Ferrari. base d’asta: 500 € stima: 3.000/4.000 €

Bella la provenienza (la Galleria Gian Ferrari), bella la proposta (500 euro la base d’asta per artista internazionale con numeri forti alle spalle), brutto il soggetto. Sì brutto. Questa china, che va in asta domenica 18 marzo alla Meeting Art di Vercelli, lascia in bocca l’amarissimo di una china speziata e senza morbidezze. Currie è artista scozzese che, come Bosch ai suoi tempi, non vuole allietare gli animi, ma ricordare che prima o poi tutto finisce. La materia si sgretola, i corpi si sfaldano, i volti si deformano. Ma, peggio di tutto questo c’è la paura di tutto questo che Currie ben rappresenta, evoca, esalta. Danze macabre colte un attimo prima che inizino come è questa strada affollata di tristezze in cammino. Insomma, roba forte. Ma l’arte se no a che serve?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...