Il cerchio si chiude

012018003572
The rainbow whale multiplo in plastica blu 31x58x27 cm, esemplare I-13/300, firma, titolo e tiratura sotto la base, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto. Stima € 1.000/2.000 senza riserva
Ultima Offerta € 50

L’idea era buona, quella di utilizzare la plastica per rigenerare le icone della natura. Niente di sconvolgente (Piero Gilardi aveva fatto lo stesso 20 anni prima partendo però da altri presupposti ideologici e artistici). La Cracking Art aveva comunque lasciato un segno colorato nel mondo variegato e annoiato dell’arte contemporanea, ad un passo dal varcare il fatidico confine che trasforma l’arte di tutti in arte per tutti. Nessuno ci riesce, neanche la Cracking. Rizzetti era ed è uno della squadra (che ha perso per forza del destino il suo mentore originario). Propone questa balena e a me vibra l’emozione.

Mia figlia, quasi ingegnere ambientale, sta studiando come le microplastiche galleggianti si muovano nel Mediterraneo minacciando l’ecosistema e in particolare capodogli e balene. Intercettando le concentrazioni di plancton (che rilascia clorofilla) si potrà capire dove si aggirino questi giganti del mare tentando di arginare la strage “plastica”. Quest’opera chiude il cerchio: la balena che mangia la plastica diventerà di plastica? Caro Rizzetti che questo sia un amuleto esorcizzante (ed io cercherò di acquisire l’opera per un regalo di laurea non certo banale).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...