849/Soldati e sfollati

 

012018006673
269 ATANASIO SOLDATI [Parma 25/08/1896 – Parma 27/08/1953] Paesaggi, (1943-1944) tempera e pastello su carta 40×31,8 cm, firma al centro, dipinto a matita raffigurante un paesaggio e timbro delle Opere Inventariate di Atanasio Soldati al retro. Bibliografia: -“Atanasio Soldati, invenzioni, studi, progetti”, a cura di Flaminio Gualdoni, Edizioni Cardelli & Fontana, mostra tenutasi presso la Galleria Cardelli & Fontana (SP) dal 6 marzo al 8 maggio 2010, pagina 19. base d’asta: 1.000 € stima: 2.500/3.500 €

Io so dove era Atanasio Soldati quando ha schizzato, da figurativo-astratto-geometrico-razionalista (insomma artista), quest’opera in asta domenica 14 ottobre nella 849 della Meeting art di Vercelli. Lo so. Salgo in auto da casa mia, imbocco la Torino-Piacenza a Broni (lì sono nato) e per 30 chilometri interseco questa parte di Lombardia che il Po divide tra pianura e colline. Arrivato a Voghera,  superata la porta virtuale del 45esimo parallelo, esco dall’autostrada e salgo verso l’alto. Rivanazzano, Godiasco, su su fino a Varzi e il Monte Penice. oltre c’è il mare della Liguria.

1943/44. La guerra si fa brutta che già di suo lo era già. Guerra agli altri, guerra intestina. Tutti in guerra. L’orrore diventa regola, come le bombe che piovono dal cielo. Atanasio Soldati cerca una via di scampo per sè e per la sua arte. Diventa sfollato da Milano e finisce tra le colline di cui parlavo prima. Ospitato da una famiglia in cui si sta cimentando nella sua passione una pittrice che diverrà un genio nascosto dell’arte naif, Luisa Pagano. Soldati insegna a Luisa l’importanza di una poetica geometria del fare pittura accennando persino a una metafisica delle forme; Luisa, chissà, gli mostra come i colori possono essere quelli che si vedono aprendo le finestre. Il rosso delle case di mattoni a vista delle cascine, il verde delle colline.

L’opera in asta è, insomma, qualcosa di più di un bozzetto. Non era fatta per essere venduta, ma per ricordare chi era Atanasio e dove era. Insomma una cosa vera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...