L’uomo con la Kobell press

Mario-Giacomelli_con_una_Kobell

Usava sempre la stessa macchina fotografica: una Kobell Press del 1955, obbiettivo Voigtlander color-heliar 1:3,5/105. Una macchina  assemblata su misura. Progettata dal fotografo Luciano Giachetti e dall’artigiano milanese Boniforti, la Kobell fu prodotta dalla ditta di Agostino Ballerio. Macchina vera:  fotografia che profumavano di pane cotto nel vecchio forno, dove ogni micchetta aveva la propria fragranza esclusiva. Cose difficili da capire nel nostro mondo dove un algoritmo decide quale sia il pixel o la parola migliore per comunicare il nostro esistere attraverso i media. Scatti programmati da altri che decidono per noi la luce, il fuoco, l’inquadratura. Tutti belli. Tutti inutili.

Giacomelli Mario: scrittore-artista-litografo. Fotografo. Con la sua Kobell Press girava il suo mondo e il suo mondo parlava con lui. Pretini nella neve, uomini e donne come personaggi di un teatro senza tempo. Paesaggi. In bianco e nero.  Paesaggi che diventavano astrazioni.  Tetti, campi arati, govoni come forme di uno spazio ancestrale, eterno. Forma pensiero.  Tutto grazie allla forza di una testa pensante con una Kobell press a tracolla.

Nell’asta 861 arriverà questo lotto: non è Gloogle Earth. E’ Giacomelli.

012019001850
81 MARIO GIACOMELLI [Senigallia (AN) 1925 – Senigallia (AN) 25/11/2000] Senza titolo stampa alla gelatina ai sali d’argento 20×25,2 cm, timbro dell’artista al retro. senza riserva stima: 1.000/2.000 €

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...