Archivio mensile:novembre 2019

Fedele alla linea!

112

GIUSEPPE BARISON [Trieste 05/09/1853 – 07/01/1931]
Ritratto di signora, 1905 olio su tela 68×55 cm, firma e anno in alto a destra.
base d’asta: 500 €
stima: 1.500/2.000 €

La marchesa Ottocento guarda il Nuovo secolo che è arrivato da poco e non è molto contenta. Pare permaloso il Giovinotto, convinto che il progresso non avrà confini, che la guerra, se ci sarà, sarà purificatrice, che il movimento è l’unica legge fisica da seguire anche in pittura. Futurista, cubista, avanguardista e poi realista, esistenzialista, transavanguardista, concettuale, nichilista, performante, populista e mercantilista,bellicoso e pacifista, trasgressivo e onanista: il giovanotto non promette nulla di buono. E la marchesa lo fissa con la severità di una maestra che non ha più il potere di bocciare l’alunno maleducato. Giuseppe Barison , il pittore di quest’opera in asta il 22 dicembre, morì convinto che il suo modo di diipngere fosse ancora l’unico vero modo di dipingere. Il dubbio, mi resta.

Iconico Cecco

323

BRUNO CECCOBELLI [Montecastello Vibio (PG) 02/09/1952]
Icona da guerra, 1993tecnica mista su assemblaggio di legni e tela 100×82 cm, firma, anno ed etichetta della Galleria d’Arte Astuni (Fano-PU) al retro, autentica n° M 51 a cura dell’artista su foto con etichetta e timbro della Galleria d’Arte Astuni (Fano-PU).
Bibliografia:-“Bruno Ceccobelli, Viola”, Edizioni Galleria d’Arte Astuni (Fano-PU), 1995, in copertina con descrizione dell’opera all’interno alla tavola n° 16.
base d’asta: 3.500 €
stima: 7.000/8.000 €

Bruno Ceccobelli, tra gli artisti del mitico Pastificio Cerere di Roma (Pizzi Cannella, Gallo. Tirelli, Di Stefano, Bianchi)  , è il più “ortodosso” nel senso della religione. Le sue opere trasudano laico misticismo o misticismo che non si vergogna della laicità. Trovo in opere come questa (asta 869 Meeting Art Vercelli Domenica 1 dicembre) la carica simbolica e misterica delle icone ortodosse di cui un mio amico è stimato collezionista e esperto aiutandomi a leggere tra le righe di immagini e segni sulle antiche tavole.

Segno è potere

312

ANDREA MARTINELLI [Prato 12/03/1965]
La Titta, 2005olio e tecnica mista su tavola 67x49x2,5 cm, firma in basso a sinistra, titolo, firma, anno e tecnica al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto, opera priva di cornice.base d’asta: 1.000 €stima: 2.000/3.000 €

Giovanni Testori, critico e letterato con tutti gli attributi del caso, che amava la figurazione “letteraria”, lo considerava con Frangi e Velasco , una delle speranze dell’arte italiana. Di Andrea Martinelli mi parlava spesso la signora Nedelia. E’ morta troppo tempo fa ed io mi sento un poco più vecchio nel ricordare le discussioni d’arte nel salotto della sua Galleria d’arte, il Vicolo a Voghera. Mi raccontava con entusiasmo di quando proprio Testori venne da lei, agli inizi degli anni Novanta, con quei giovani leoni che frequentavano la Compagnia del Disegno a Milano. Certo, disegno. Chiaroscuri che creano nei volti solchi esistenziali. Senza disegno il resto è noia o finzione, mi diceva. Un bravo pittore deve saper disegnare. Andrea Martinelli, mi diceva, è bravissimo. Ed io le credo anche ora.

Giù la schiena


161

JEAN FRANCOIS MILLET [Gruchy 04/10/1814 – Barbizon 30/01/1875]
Figura matita su carta 32×22 cm, sigla in basso a destra, firma al retro, certificato d’autenticità di Cagnola allegato.
base d’asta: 1.500 €
stima: 3.000/4.000 €




Domenica 22 dicembre nell’asta 871 di dipinti del secolo scorso e di quello prima: un bozzetto che merita un sospiro. Scuola di Barbizon, realismo. Fatica di vivere e ottima pittura a raccontarla…