Il Manifesto

Falce e pennello. Vinicio Berti era un politico, un ideologo, un filosofo, un combattente. Un astrofisico. Vinicio Berti, fiorentino, credeva che si potesse cambiare il mondo con l’arte. Falce e pennello. Comunista, ma di quei comunisti che, nel 1957, dopo aver visto i corazzati russi entrare in Ungheria, vedevano oltre la cortina di ferro. Berti vedeva un mondo senza muri; già pregustava il crollo di quello di Berlino, tanti anni dopo. Falce e pennello e fisica dello spazio. Per abbattere, infine, i confini dell’arte, il compagno (di banco per chi sogna le stesse cose) Vinicio progettava porte spazio-temporali dove portare la pittura. Aspettando Gagarin-Fontana.

Si può comprare un’idea? No, ma se ci volete provare il luogo è l’asta Meeting art 2693 di martedì 12 novembre:

42VINICIO BERTI [Scandicci (FI) 11/06/1921 – Firenze 1991]
Breccia nel tempo, ogni fiorentino è un artista, 1957
china su cartone 34,5×24,6 cm, firma ed anno sulla destra, firma e località (Firenze) al retro, opera registrata presso l’Archivio Aurelio Stefanini (Firenze) come da dichiarazione su foto.
senza riserva
stima: 1.000/2.000 €

Con il suo doppio.

82

VINICIO BERTI [Scandicci (FI) 11/06/1921 – Firenze 1991]
Breccia nel tempo, ogni fiorentino è un artista, 1957
china su cartone 34,5×24,6 cm, firma ed anno sulla destra, firma e località (Firenze) al retro, opera registrata presso l’Archivio Aurelio Stefanini (Firenze) come da dichiarazione su foto.
senza riserva
stima: 1.000/2.000 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...