L’arte della quarantena

L’217

EMILIO PRINI [Stresa 1943 – Roma 01/09/2016]
Senza titolo
stampa e matita su cartoncino 41,5×30 cm, firma in basso a destra, dichiarazione d’autenticità e provenienza della Galleria Pio Monti Arte Contemporanea (Roma) su certificato allegato. base d’asta: 2.000 € stima: 4.000/5.000 €

L’amore ai tempi del coronavirus. I libri di storia racconteranno, meglio di quanto accade nella nostra quotidianità, la prima grande epidemia del terzo millennio. Capiremo prima o poi se l’arte avrà la possibilità di ragionare sui concetti di contagio, colpo di tosse, estraneo, massa, portatore sano, cordone sanitario, mascherina, antivirale… . Io, al momento, mi fermo al termine quarantena. E di colpo mi sovviene la nostalgia di un periodo di forzato o non forzato distacco dal mondo. Presenti a se stessi perchè assenti, rarefatti, mimetici e volatili. C’è un maestro assoluto di questa tensione creativa della storia dell’arte contemporanea: si chiamava Emilio Prini.

L’opera in foto va in asta a Vercelli il 22 febbraio. Esserci o non esserci?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...