Perillismi

Locus Solus è il titolo di uno dei libri più famosi di Raymond Roussel (1877-1933), eccentrico scrittore e drammaturgo francese, definito <acrobata del linguaggio>. Scrittore amato dai surrealisti e poi riscoperto nella seconda metà del Novecento quando la sua opera trovò eco nelle sperimentazioni letterarie e linguistiche degli anni Cinquanta e Sessanta. L’opera ha forte riflesso su diversi artisti e creativi di quel momento. Gae Aulenti progetta una serie di mobili da giardino che si chiama proprio Locus Solus, un modello caratterizzato da tubi d’acciaio verniciati a fuoco in colori per niente sobri: arancio e giallo limone, poi anche verde pistacchio e viola melanzana. Ed ecco il Perilli in foto che ha proprio quel titolo, Locus Solus. L’opera è del 1970, dalle misure poderose, due metri per tre.

Le geometrie surreali di Perilli sembrano adattissime ad interpretare quel filone del pensiero creativo legato a un libro che pare davvero necessario sfogliare. Ingegneria del surreale, prospettive del fantastico, il 3d dell’immaginazione. Punti di fuga dalla realtà per capirla meglio.

Il Perilli della foto ha un poderoso trascorso espositivo: Quadriennale di Roma 1972-1973, Torino 1971, Luswigshafen am Rhein 1991, San Pietroburgo 2018-2019.

ps. L’opera sarà presentata nei prossimi giorni tra le proposte d’arte di Arte Atelier (digitale terreste, canale 125; canale 863, Sky.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...