Rock’n roll, baby



349

MATTIA MORENI [Pavia 12/11/1920 – Brisighella 1999]
La mano dell’amore, 1995 tecnica mista su carta 70×50 cm, firma, titolo e anno sulla destra, dichiarazione d’autenticità di Yvonne Prath Moreni su foto.
base d’asta: 1.000 €
stima: 2.000/3.000 €

La vita è adesso (cit. Baglioni).

Niente è come sembra niente è come appare
Perché niente è reale
. (cit. Battiato).

Mattia Moreni era un artista (a dicembre del 2019 si è celebrato con una mostra alla galleria il Ponte di Firenze, il ventennale della nascita). Nato, come me in provincia di Pavia (che sogno di essere artista, ma non sono morto a Brisighella come lui). Astrattista, informale: bravo, a tratti bravissimo (dice la critica). Surreale e simbolista. Poi , negli anni Novanta, la sua paura: i computer ci strapperanno l’anima. Ci costringeranno a scrivere poesie con Word 7 e a scattare foto dei nostri amori con la stessa cosa con cui telefoniamo. Moreni raccontò questo timore in opere dove l’ibridazione tra simboli della nostra quotidianità e riferimenti pseudo tecnologici, creano sarcasmo e sconcerto. Credo che la paura dell’alienazione social sia da condividere, anche ora che tutti esaltano l’uso dei nuovi media.

Le corna al cielo appaiono in Yellow Submarine, le sfodera John Lennon come segno di amore e libertà. Corna al cielo, rock’n roll e amore. La migliore delle scaramanzie. Ridateci amore e libertà.

L’opera va in asta prima o poi, ma ci va (vero Pablo Carrara), alla Meeting Art di Vercelli nell’asta 874.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...