Archivi tag: Carrara

Occasione perduta

Ci sono cose che possono cambiare il baricentro del tuo rapporto con le altre cose. Nell’arte, che è mozione emozionale oltre che monenaria e qualitativa  quello che può impedirti di farlo non è una questione di desiderio e di gradimento, ma di economia e magari di spazio. Premessa di rimpianti e filosofie per raccontare di questo lotto andato in asta domenica scorsa.

012014014806

Piero Gilardi. Nero, 1994
(scoglio sonoro interattivo) poliuretano espanso con apparato fonico-elettronico interno allo scoglio cm. 115x55x68, firma, titolo e anno sotto la base, + 6 sassi in poliuretano espanso con misure che variano da 15×20 a 22×47 e tappeto d’appoggio, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto.

Piero Gilardi è uno degli artisti con una cifra ispirativa e realizzativa unica. Il suo rapporto con l’immagine della natura lo avvicina ai grandi della Land Art, partendo dai presupposti ideologici dell’Arte Povera: <Piero Gilardi is a pioneer of Arte Povera and a proud advocate of an ecological-concerned undertaking in visual arts. He is a peripatetic artist who gathered information about experimental art and creators in the 1960s, promoting the work of Richard Long or Jan Dibbets, and introducing Bruce Nauman or Eva Hesse into Europe. He is also a political activist who marched with FIAT workers in the 1970s, and who founded>, (dalla prefazione di una retrospettiva edita dal museo di Rivoli).

L’opera messa in asta alla Meeting Art rientra in un ambito di ricerca dell’artista di grande valenza scenica oltre che ispirativa ponendo lo spettatore al centro di una rappresentazione sensoriale e, passatemi l’azzardo, esistenziale. Ecco cosa dice in proposito la scheda di un’opera analoga (ma di tre anni più tarda, ospitata dal Ma Ga, Museo d’arte contemporanea di Gallarate): <La prima impressione davanti a quest’opera è quella di una divertita delusione percettiva. Se infatti alla vista i piccoli sassi sembrano essere veri, da un’indagine al tocco ci accorgiamo che tutta l’opera è fatta di una materia morbida, lattice di gomma, contraria alle nostre aspettative. Questa prima necessità, di toccare e verificare l’opera, ci permette di scoprire direttamente il suo funzionamento reale: l’interazione. Se infatti muoviamo lo scoglio più grande fino a farlo ruotare, esso emette un suono, il frangersi dei flutti del mare sulle rocce. La nostra azione modifica la situazione, e con il nostro corpo azioniamo l’idea delle onde. Così quest’opera è in maniera semplice e immediata l’indice della ricerca più profonda di Piero Gilardi: “La “materia” che posso offrire … , non è sigillata in opere d’arte ma consiste nella disponibilità a condividere un’esperienza immaginativa e cognitiva”. Alla fine degli anni sessanta l’artista realizzava, infatti i tappeti-natura, ultimi oggetti di una lunga ricerca che si spenderà poi in un impegno politico militante e nello studio di procedure, procedure, sistemi, dispositivi, istallazioni fino a culminare nel 2008 nell’apertura a Torino del Parco d’Arte Vivente. Tutta la ricerca conferma la volontà di porre l’arte in una dimensione di ricerca, propositiva, scientifica, responsabile, circa i processi di conoscenza e relazione, la qual cosa comporta un coinvolgimento etico dell’artista nella vita sociale collettiva. I “tappeti-natura” sono superfici in poliuretano espanso, invitanti e incredibilmente somiglianti al reale, pensati per essere usati come luogo d’incontro. Una natura artificiale, quindi, creata per agevolare rapporti e contatti. Il messaggio sotteso è la dimensione di libertà e volontà di cui ciascuno di noi dispone nell’interazione con le cose e con gli altri. Il PAV di Torino è in questo senso l’opera più significativa: il parco, attivo e visitabile, è un luogo concepito per l’interazione tra persone, sistemi e natura nella volontà di condurre una ricerca laica, estesa, continua sul vivente>. 

Era, insomma, un lotto da museo. L’ho scritto in sms a Pablo Carrara, amministratore delegato della Meetinga Art. <Soero l’abbia presa un museo. Da mettere vicino a un  Igloo di Merz o a una canoa primordiale di Zorio>. Non l’ha presa un museo…e neppure io. Qui il rammarico. Per una vita da collezionista insegui il bello, poi quando lo incontri devi ripiegare. Primo per i soldi (aggiudicata peraltro a 5.900 euro, proprio così….a un decimo del suo valore potenziale. Quanto uno splendido ussaro di Gonzaga o a un salotto metafisico di Nunziante). Secondo: perchè avrei dovuto trasformare una stanza a contenitore di uno scoglio. E perchè no? Un quadro di Savinio in tre dimensioni (anzi quattro, con il suono), un modo per far ruotare la mia esistenza abitativa attorno a un nuovo baricentro:  il mare. Occasione perduta.

E a settembre, Asta Mundial…

cup pablo

Incontro Pablo Carrara in un ufficio della sede della Meeting art a Vercelli. C’è aria di fine stagione, di vacanze che prima o poi arriveranno. Restano alle pareti i reduci dell’ultima battaglia, l’asta 778 che ha mostrato come il mercato dell’arte, tra nuove infatuazioni (Milani, Pinelli, persino Amadio e Costalonga), ritorni di fiamma (Nativi e Griffa), ghiotti investimenti (Gruppo Zero, cinetici e dintorni) sia ben lontano dal vivere una vera recessione. Tutto quello che si poteva vendere è stato venduto e anche di più. La Meeting ha così ricucito sul petto  un altro scudetto del fatturato record in Italia. E adesso si guarda alle ferie e alla nuova stagione.  In due vetrinette le operine della collezione Zavattini pronte per una tornata virtuale (8 luglio). Davanti a me, invece, il più grande Del Pezzo che abbia mai visto. Un lenzuolo di tela 2metri x 2 che scatena subito fremiti sul nuovo che arriva in asta.

CAM00288

Bello, no? Non è l’unico lenzuolo che andrà in asta a settembre…”, Pablo Carrara ha l’aria di chi sta per scoppiare e dire a tutti che una spiaggia con un due pezzi sdraiato accanto è molto meglio di una Biro di Boetti o di un catramone di Kounellis, ma si trattiene. Il lavoro è questo e fin che c’è asta c’è speranza. E allora qualche battuta sul campionato finito e quello che verrà.

Chiuso bene. Benissimo _ esordisce il Pablo dall’occhio stanco, ma con l’orecchio attento a chi chiama per proporre collezioni (sempre di più) o per saldare il dovuto _ Colpi grossi? Bè direi  il Morellet, il Music preso benissimo dal cliente, l’Appel, il Bonalumi. E il Chighine storico? Pappato subito. Che fatica, invece,  i due Baj ed è un assurdo perchè Baj si mangia tanti mostri presunti sacri. E attenti a Dangelo. Tutti piazzati. L’amico di Baj è persona colta, unica. Il mercato prima o poi lo premia e non solo quello italiano. Ah, scusate e il Permenke? Una chicca che ha fatto gara con rilanci dall’estero. ormai tanti nostri clienti non sono italiani. Ci guardano, eccome ci guardano. E noi offriamo piattini gustosi. Dimenticato il Pettibon, artista Usa da top price? Aggiudicato dopo un po’ di peana, ma chi l’ha preso ci ringrazierà>.

pettibonadad nirari012014006012la lunga città

Asta che va, asta che viene. “Bè, io però andrei prima in ferie _ dice Pablo, poi comincia a scorrere le immagini della prossima tornata settembrina e si eccita…artisticamente parlando – Insomma. Non sarà un inizio fiacco, azi. Quest’anno vogliamo fare subito gol. Magari con un Peter Halley formato maxi (1.55 x1,37), un Bonalumi bellissimo, un Villegle e poi Ontani, Scanavino da brividi, Max Bill, il Del Pezzo qui fuori. Continuo?”

Continui:..”Tanto per gradire un Griffa storico un metro e mezzo per un metro e mezzo, un Mauro Reggiani da Biennale del 1952, un Magnelli figurativo del 28, un Tozzi del periodo di Suma, Caesar, poi il più bel De Maria che sia mai passato da Vercelli…continuo?”

Continui….”E poi una raffica di lotti a offerta libera che sono il vanto di chi vuol davvero sondare l’intelligenza di chi compra e il coraggio di chi affida questi pezzi sapendo che, se una cosa vale, arriva al valore che merita. e anche di più! Tra i lotti a offerta libera avremo un Simeti anni Sessanta. Capito l’antifona?”

Capito. Carrara rialza gli occhi dallo schermo manco avesse passato in rassegna le pagine dell’intimo di un vecchio e sempre arrapante  catalogo della Postal Market. E’ contento della squadra che scenderà in campo. Campioni veri, non schiappe. Sarà un Asta Mundial? Ride il Pablito Meeting. Gli va bene detto così. “Sì. E’ vero. Sarà un Asta Mundial”

Prima del caffè e del buone ferie, un sondaggino. Chi vedremo in crescita nei prossimi mesi?

Pablo si fa assorto, poi vaticina: “Dorazio. E’ lì bello e pronto a ripartire”. Vabbè. Basta così. Fuori c’è il sole e anche un quadro da 50mila euro non può battere questo cielo azzurro. Ci si vede a settembre con l’Asta Mundial…