Archivi tag: Galleria Open Art Prato

Mitico Paul, figlio di un temporale

Non so se ci sarà, ma credo proprio di sì. Nella prossima asta Meeting occhio di riguardo per  l’opera di Paul Jenkins. Nell’ultima tornata un suo dipinto anni Settanta è astato aggiudicato a 30mila euro, ma la sua importanza storica lo porterà presto a livelli ben più alti. Di sè ricordava (è scomparso nel 2012, con pagine a lui dedicate sulle più importanti pagine d’arte internazionali)  di essere nato sotto un violento temporale. Ed è davvero un temporale d’emozioni che evocano i suoi dipinti. Maestro del colore soffuso, della sfumatura, dell’acquerello reso potente e onirico. Maestro dell’espressionismo astratto nella sua versione zen (conosceva a fondo la cultura artistica orientale così come quella europea). Più calligrafo di Sam Francis (altro grandissimo che evocava nei suoi vuoti valori esistenziali), Jenkins sta lasciando ora il segno nella percezione del mercato. Se c’è da investire in arte, è qui che bisogna scaldare i motori…(non lo dico io, che sono solo uno che passa). Intanto dalla galleria Open Art di Prato (che ha anticipato da tempo in Italia l’attenzione per Jenkins) ricevo e giro la segnalazione di una importante mostra che sarà allestita in una importante galleria di New York (che tratta artisti del calibro di Lee Kasner, Basquiat, Cecily Brown). Se si muovono questi operatori d’arte Usa, il temporale sta arrivando. Cliccando su una delle opere in mostra il rimando alla galleria Usa.

d76773_2a1fa82b9d9449df929e7522df0affdd.jpg_srz_p_568_583_75_22_0.50_1.20_0.00_jpg_srz