Archivi tag: Nido

Davide, Luciano diceva bene di lui

012015002040Lotto 96. Onda frattale, 2009
tecnica mista su tela cm. 90×100

Questo post parla di un artista recentemente e prematuramente scomparso (sfiorava appena i 50 anni), corroso dalla malattia fino a spegnersi nell’ottobre scorso in un letto d’ospedale a Pavia. Non lo diresti che soffriva, Davide Nido,  vedendo le sue opere, ma forse è qui il mistero dell’arte: rendersi immortale superando i limiti dell’esistenza biologica. Si chiamava Davide Nido. E ne parlo perchè nella prossima asta Meeting art d’arte moderna e contemporanea, la 793 che inizierà sabato prossimo, ci sono quattro  lavori di Nido. tutti recenti, tutti in odore di sofferenza e tutti, quindi, di eroica resistenza all’incedere dell’ombra. Lui, Nido, la combatteva con quelle forme colorate cariche d’energia. Pistoi: è stato “uno straordinario gallerista perché non era un gallerista, un bravo mercante d’ arte perché non era un mercante d’ arte, ed è oggi un singolarissimo suscitatore di mostre perché non è (e non sarà mai) un organizzatore di cultura. Forse non è stato pittore perché ha voluto essere tutti i pittori che gli piacevano”. Pistoi amico di Alberto Burri, Pinot Gallizio, Lucio Fontana, il gallerista torinese fu anche il pioniere negli anni ‘ 60 -‘ 70 dell’ arte povera e concettuale, scoprendo artisti come Paolini, Fabro, Kounellis, Boetti, Merz. Un ruolo analogo lo ebbe, poi, per gli artisti della transavanguardia. Pistoi invita Nido a esporre nel Castello di Volpaia, sede di mostre di valore internazionale. Pistoi vedeva in Davide Nido, il germe di un grande artista capace di opere dotate di un proprio forte Dna creativo.

Riporto il bell’articolo pubblicato, subito dopo la morte di Davide, sul Giornale

Davide Nido aveva solo 48 anni e faceva parte di quella «generazione di mezzo» che, all’indomani della stagione concettuale e lontana dai nomadismi della Transavanguardia, cercava una propria identità all’interno della nuova figurazione. Gli anni ’90 sono stati quelli in cui questa nuova generazione ha visto sotto la Madonnina l’emergere di personalità che presto si affermarono sul mercato: Luca Pignatelli, Marco Cingolani, Massimo Kaufmann, Giovanni Frangi, Federico Guida, Dani Vescovi, Alessandro Papetti, sono stati qui i paladini della proposta pittorica apprezzata da un collezionismo che non si riconosceva nell’arte dei nuovi media, nei video o nelle installazioni. Tra questi Nido era una figura anomala, per certi versi un outsider. Ad alcuni di questi artisti lo legava un percorso formativo che dall’Accademia di Brera, lo aveva portato a condividere la «bottega» del maestro torinese Aldo Mondino. La carriera di un artista, si sa, è fatta soprattutto di incontri. E di amicizie. Ma lui, timido e riservato, aveva fin da subito intrapreso una strada coraggiosa e totalmente autonoma: quella di un’astrazione in cui inseguiva un’idea della pittura attraverso il colore e l’uso singolare di colle «sparate» a caldo sulla tela. Quelle gocce, che lui aveva ribattezzato «pilloli», moltiplicandosi davano vita ad infinite trame che ora rimandavano alla mente il pountillisme di impressionista memoria ora l’effetto psichedelico delle composizioni optical. Un percorso coraggioso, si diceva, che Nido non ha mai abbandonato anche negli anni in cui la «nuova pittura» apprezzata dal mercato era soltanto quella legata a una figurazione che traeva i suoi modelli dai media fotografici, al limite dell’iperrealismo. Ma i mondi inconfondibili rappresentati sulle sue tele coloratissime restituivano d’incanto la possibilità di un’arte come poesia pura, come sogno ad occhi aperti, come cristallizzazione di un «concetto» di pittura. Lontana da tutto e proprio per questo così vicina al cuore. Ora che la malattia si è portato via l’artista, e anche l’amico, quell’idea sembra più viva che mai.

A seguire le opere in asta alla Meetingart

to Descrizione Stima € Base d’Asta € Ultima Offerta € Immagine
45 DAVIDE NIDO Senago 1966 – Pavia 28/10/2014
Orbiblu, 2009
tecnica mista su tela cm. 50×50, titolo, firma e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista con dedica su foto, entro teca in plexiglass.
8.000
9.000
3.000 4.200   012015002038
96 DAVIDE NIDO Senago 1966 – Pavia 28/10/2014
Onda frattale, 2009
tecnica mista su tela cm. 90×100, titolo, firma e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista ed etichetta Roberta Lietti su foto, entro teca in plexiglass.
14.000
15.000
6.000 9.500   012015002040
318 DAVIDE NIDO Senago 1966 – Pavia 28/10/2014
Orbibolle, 2014
colle termofusibili colorate su tela cm. 20×20, firma, titolo e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto, entro teca in plexiglass.
2.000
3.000
1.000 1.600   012015002629
336 DAVIDE NIDO Senago 1966 – Pavia 28/10/2014
Fuoriorbita bianco, 2008
tecnica mista su tela cm. 60×60, titolo, firma e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto, opera priva di cornice.
8.000
9.000
4.000 4.800   012015002039

Uomini in fuga (refresh 23 feb.)

 

ciclisti

 Ecco nella prima tornata d’asta della Meeting art i lotti (con base d’asta) che hanno già rilanci. Tra parentesi la cifra di partenza e in neretto l’ultimo rilancio. Avviso: non sono attivi i link ai singoli lotti. Cliccando sulla copertina si va al catalogo ufficiale.

           Tornata 2 marzo

(astrazione e pittura aniconica)

copertina754

10 DAVIDE NIDO Senago 1966Spider map, 2008
tecnica mista su tela cm. 40×40, firma, titolo e anno al retro, opera priva di cornice.(500)  1150 
19 PIERO RUGGERI Torino 27/04/1930 – 14/05/2009
Senza titolo, anni ’70
tecnica mista su cartoncino intelato cm. 87×60, firma in basso a destra, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto.(1.000) 1500
23 JORRIT TORNQUIST Graz 1938
Composizione, 1971 acrilici liquitex su tela cm. 80×80, firma, titolo, anno, tecnica e timbro dell’artista al retro, dichiarazione d’autenticità e archivio dell’artista su foto, presenta restauro visibile al centro.(1000) 2.200
27 GIANNI DESSI` Roma 19/01/1955
Senza titolo
olio su tavola cm. 41×41, firma, anno ed etichetta della Galleria Alessandro Bagnai (SI) al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto.(1000) 1200
39 MASSIMO KAUFMANN Milano 21/06/1963
Senza titolo
olio su tela cm. 70×100, firma al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto.(2000) 2200
41 ALBERTO BIASI Padova 02/06/1937
Concentrazione-dispersione, 1990-1992
politipo, acrilico, assemblaggio e pvc su tavola cm. 77×98, firma, titolo e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto(5000) 6500
  PAUL JENKINS Kansas City 12/07/1923 – New York 09/06/2012
Phenomena white snap, 1964
acquerello su carta cm. 76,5×57,5, firma in basso al centro, dedica ad personam e anno in basso a sinistra.(5000) 5.500
54 ENRICO CASTELLANI Castelmassa (Ro) 04/08/1930
Superficie bianca, 1976
impressione a secco (calcografia) su carta cm. 50×70, esemplare 13/100, firma in basso a destra, dichiarazione d’autenticità della Futur Arte (Pordenone) allegata.(1000) 1100
61 ALIGHIERO BOETTI Torino 1940 – Roma 24/04/1994
Millenovecentoottantotto, 1988
arazzo a ricamo cm. 21×22, firma al retro, opera registrata presso l’Archivio Alighiero Boetti (Roma) come da dichiarazione su foto(12000) 14000
63 PAOLO SCHEGGI Firenze 1940 – Roma 1971
Intersuperficie curva sul bianco, 1966
acrilico su tre tele sovrapposte cm. 70×70, firma, titolo, anno e timbro della Galleria Arte Moderna Il Punto (TO) al retro, opera registrata presso l’Archivio Scheggi al numero PASC 0569 come da dichiarazione della Galleria Niccoli (PR) su foto, entro teca in plexiglass.(15000) 18000 
66 GIUSEPPE MARANIELLO Napoli 1945
Senza titolo, 1997
scultura in bronzo cm. 25x48x5, (tiratura totale 9 esemplari + 1 P.A.), opera non firmata, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto.(1000) 1700
68 PHILIP TAAFFE New Jersey 1955
Senza titolo, 1995
tecnica mista su carta cm. 32×24, firma e anno in alto a sinistra.(1000) 1600
72 REMO BIANCO Milano 03/06/1922 – Milano 23/02/1988
Senza titolo, 1977
olio, tecnica mista e collage di tele su cartone cm. 75×50, firma e anno al retro, dichiarazione d’autenticità a cura della sorella Lyda Bianchi su foto.(1000) 1400
76 DADAMAINO Milano 02/10/1935 – Milano 04/2004
Il movimento delle cose, 1993
tecnica mista su carta cm. 70×50, firma, titolo e anno al retro, opera registrata presso l’Archivio Dadamaino al numero 015/07 come da dichiarazione a cura di Flaminio Gualdoni su foto.(3000) 3300
88 JORGE EIELSON Perù 1924 – Milano 09/03/2006
Amazzonia, 2001
tele annodate e acrilici su tela applicata su tavola circolare diametro cm. 40, firma, titolo e anno al retro, opera registrata presso l’Archivio Jorge Eielson al numero JE 443 come da dichiarazione su foto, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto, entro teca in plexiglass.(1000) 1500 
93 PINO PINELLI Catania 01/10/1938
Pittura BL.B., 1997
tecnica mista su due elementi cm. 29×19 cadauno, entro unica cornice, firma, titolo, anno e località (Milano) sul retro dell’elemento bianco, dichiarazione d’autenticità dell’artista ed etichetta della Galleria Colombo Arte (Bovisio Masciago-MI) su foto.(1500) 1700
102 ACHILLE PERILLI Roma 28/01/1927
Il ghiribizzo, 2000
tecnica mista su tela cm. 50×50, firma e anno in basso a sinistra, titolo, firma e anno al retro, dichiarazione d’autenticità e archivio dell’artista su foto.(3000) 3300
105 AGOSTINO BONALUMI Vimercate (Mi) 10/07/1935
Bianco 1980
tela estroflessa cm. 20×20, firma, anno, timbro ed etichetta dello Studio f.22 (Palazzolo sull’Oglio-BS) al retro, dichiarazione d’autenticità e archivio dell’artista su foto.(5000) 6500
106 BERNARD AUBERTIN Fontenay aux Roses 1934
Senza titolo, 1970
acrilico e chiodi su tavola cm. 50×50, firma e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto, stampa fotografica allegata ritraente l’artista con l’opera, entro teca in plexiglass.(2500) 3300
107 ENRICO BAJ Milano 31/10/1924 – Varese 15/06/2003
Traccia extra, 1965
acrilico passamaneria oggetti su tela 46×65, firma in basso a destra, pubblicato sul “Catalogo generale Bolaffi delle opere di Baj”, a cura di Enrico Crispolti, Giulio Bolaffi Editore Torino, repertorio 981, pagina 145.(5000) 5500
32 GIORGIO GRIFFA Torino 29/03/1936
Senza titolo, 1974
acrilico su tela cm. 27×55, firma e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foglio A4 e certificato della Galleria d’Arte Orler allegati. (2500) 3100
29 RICCARDO LICATA Torino 20/12/1929
Senza titolo, 1989
mosaico cm. 72×83, firma e anno incisa sulla destra, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto. (2000) 2400
6.000
73 TURI SIMETI Alcamo 05/08/1929
Senza titolo, 2002
tela rossa estroflessa cm. 30×35, firma e anno al retro, dichiarazione d’autenticità dell’artista su foto.   (1500) 1600

5[1] ATTENZIONE NEWS : IO LO VORREI COMPRARE ( IL SOGNO)—– STANZA DI LUCA